Bonus pubblicita' - il modello per richiedere il credito d'imposta

Bonus pubblicitàPronti il modello di comunicazione e le procedure da seguire per richiedere il bonus pubblicità, il credito d’imposta per gli investimenti relativi all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, anche online. 

Bonus pubblicita' – il testo del regolamento sul credito di imposta 

Il Capo del Dipartimento per l'informazione e l'editoria ha adottato il provvedimento che definisce il modello di comunicazione e le modalità per accedere al tax credit per gli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, previsto dal decreto-legge n. 50 del 2017.

Bonus pubblicita' - regolamento sul tax credit per investimenti incrementali

Come funziona il bonus pubblicità

Il bonus pubblicità è destinato alle imprese e ai lavoratori autonomi, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato, e agli enti non commerciali, in relazione agli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on-line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, effettuati a partire dal 1° gennaio 2018, il cui valore superi di almeno l’1 per cento gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente. L’incremento percentuale è riferito al complesso degli investimenti effettuati, rispetto all’anno precedente, sugli stessi mezzi di informazione.

E' previsto inoltre l'accesso al credito di imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 solo sulla stampa quotidiana e periodica, anche on-line, purché il loro valore superi almeno dell’1 per cento l’ammontare degli analoghi investimenti effettuati dai medesimi soggetti sugli stessi mezzi di informazione nel corrispondente periodo dell’anno 2016.

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, tenendo conto del limite massimo complessivo delle risorse di bilancio annualmente appositamente stanziate. L'intensità dell'incentivo potrà essere elevata al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e nel caso di start-up innovative, una volta perfezionata con esito positivo la procedura di notifica della maggiorazione alla Commissione europea, in pendenza della quale è concessa la misura ordinaria del 75%.

Le risorse stanziate per il 2018 ammontano a 62,5 milioni di euro, di cui 50 milioni per gli investimenti sulla stampa (20 milioni per gli investimenti effettuati nel secondo semestre del 2017, più 30 milioni per quelli da effettuare nel 2018) e 12,5 milioni per gli investimenti da effettuare nel 2018 sulle emittenti radio-televisive.

Bonus pubblicita': tax credit anche per investimenti su testate online

Come presentare la richiesta

Per richiedere il bonus pubblicità è necessario compilare l'apposito modello di comunicazione telematica, che dovrà essere inviato utilizzando i servizi telematici messi a disposizione nell’apposita area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.

Il modello va utilizzato, barrando la relativa casella, per presentare:

  • la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato;
  • la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”, per dichiarare l'effettiva realizzazione, nell'anno agevolato, degli investimenti indicati nella comunicazione per l'accesso al credito d'imposta, inviata in precedenza.

Per gli investimenti realizzati nel 2017 il modello va presentato esclusivamente nella modalità di “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”.

La “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per l'accesso al beneficio per il 2017 e la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” per l'accesso al beneficio per gli investimenti relativi al 2018 devono essere presentate dal 22 settembre 2018 al 22 ottobre 2018.

La “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per l'accesso al beneficio per il 2018, invece, deve essere presentata dal 1° al 31 gennaio 2019.

> Provvedimento del 31 luglio 2018

> Modello di comunicazione

Istruzioni per la compilazione

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.